Karl Lagerfeld: Complotto!

Karl Lagerfeld: Complotto!

Complotto!

Karl Lagerfeld non è morto oppure se lo fosse lo sarebbe da molti anni da quando la sua immagine si è cristallizzata in un’icona capace di divenire un logo tipografico, un meme o la stampa su una t-shirt.

Karl Lagerfeld meme

Capelli lunghi e bianchi strozzati in un codino basso, occhiali neri, guanti senza dita. Giacche lunghe e nere, pantaloni skinny, cravattoni improbabili.

Un moschettiere, un ufficiale prussiano, un motociclista, un raffinato esibizionista: tutto questo e molto altro ma soprattutto uno dei fondatori del sistema moda  contemporaneo.

Oggi 19 febbraio 2019 gli occhi ci bruciano non per le lacrime ma per l’impossibilità di cambiare canale, sintonizzarci su una frequenza diversa dalla carriera, dalla sua vita.

Karl Lagerfeld non è morto o piuttosto era già morto almeno da quando la sua immagine ha cominciato a coincidere con la fotografia statica di un paio di occhiali scuri, mezzi guanti neri, capelli bianchi raccolti in una coda.

Fare di sé un brand ovvero quello che per una vita ha fatto con i brand per cui ha lavorato. Che impresa! Tutto gira così veloce che presto ci dimenticheremo di Karl Lagerfeld.

Tutto gira così veloce che presto non ci dimenticheremo di Karl Lagerfeld.

Karl Lagerfeld